© 2018 LP-DG® Science

Esci.st0{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:2;stroke-linecap:round;stroke-linejoin:round;stroke-miterlimit:10;} .st1{fill:none;stroke:#00d9ff;stroke-width:1;enable-background:new;} .st2{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:1;enable-background:new;}
/front/assets/b0_bg.b9f56.png
/front/assets/b1.4d847.png
/front/assets/b2.06d15.png
/front/assets/b3.e5655.png
/front/assets/b4.6dac4.png
/front/assets/b5.2ecb4.png
/front/assets/b6.feb5a.png
/front/assets/b7.9e3a3.png
/front/assets/b8.f130a.png
/front/assets/b9.660ae.png
/front/assets/b10.47360.png
/front/assets/b11.f3d7e.png
/front/assets/b12.a0e95.png
La somministrazione rettale di Lactobacillus casei DG modifica la composizione della flora e l’espressione dei recettori Toll-like nella mucosa colica di pazienti con colite ulterosa lieve.
Dig Dis Sci 2011, 56(4):1178-87.

BACKGROUND:
Un alterato equilibrio del microbiota intestinale sembra contribuire allo sviluppo di malattie infiammatorie croniche del tratto gastrointestinale, come la colite ulcerosa (UC). Benché sia stato suggerito che l'integrazione di probiotici costituisca un approccio efficace alla colite, i suoi effetti sulla flora intestinale e sul bilancio delle citochine della mucosa non sono mai stati esplorati.

FINALITÀ:
Valutare l'effetto di Lactobacillus casei (L. casei) DG, un ceppo probiotico, sul microbiota colon-associato, sul bilancio delle citochine della mucosa e sull'espressione dei recettori toll-like (TLR).

METODI:
Ventisei pazienti con lieve UC sinistra sono stati casualmente assegnati a uno di tre gruppi per un periodo di trattamento di 8 settimane: il primo gruppo di 7 pazienti ha ricevuto acido 5-amminosalicilico (5-ASA) da solo, il secondo gruppo di 8 pazienti ha ricevuto 5-ASA per via orale più L. casei DG per via orale, e il terzo gruppo di 11 pazienti ha ricevuto 5-ASA per via orale e L. casei DG per via rettale. Sono state raccolte biopsie dalla regione sigmoidea per realizzare colture di microbi mucosa-associati e valutare i livelli di citochine e RNA messaggero (mRNA) dei TLR mediante reazione a catena della polimerasi in tempo reale (RT-PCR).

RISULTATI:
5-ASA da solo o insieme a L. casei DG per via orale non è riuscito a modificare la flora colica e l'espressione dei TLR in maniera significativa, ma quando abbinato a L. casei DG somministrato per via rettale ha modificato il microbiota colico determinando l'aumento di Lactobacillus spp. e la riduzione di Enterobacteriaceae. Inoltre, ha significativamente ridotto i livelli di mRNA di TLR-4 e interleuchina (IL)-1β e significativamente aumentato l'IL-10 della mucosa.

CONCLUSIONI:
La manipolazione del microbiota della mucosa mediante L. casei DG e i suoi effetti sul sistema immunitario della mucosa appaiono necessari per mediare le attività benefiche dei probiotici nei pazienti con UC.

Autori
D'Incà R, Barollo M, Scarpa M, Grillo AR, Brun P, Vettorato MG, Castagliuolo I, Sturniolo GC

Cookie Policy

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di profilazione per raccogliere informazioni in forma aggregata. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi elemento, si acconsente all'uso dei cookie.

Professionisti del settore sanitario

Alcune delle informazioni contenute in questo sito web sono esclusivamente rivolte a professionisti del settore sanitario. Confermi di essere un professionista del settore sanitario. Sei un professionista del settore sanitario?

Si, lo sono
No, non lo sono
Contenuti di terze parti

Questo sito web contiene collegamenti/riferimenti a siti web di terze parti. Attraverso tali collegamenti, SOFAR non presta alcuna garanzia né esprime la sua approvazione ai contenuti e alla qualità degli stessi. SOFAR non assume e non accetta alcuna responsabilità per i contenuti o la disponibilità di tali siti web; SOFAR non accetta alcuna responsabilità per danni o lesioni risultanti dall'uso di tali contenuti, in qualsivoglia forma. Gli utenti accedono a tali siti web a proprio rischio esclusivo. Le informazioni contenute in questo sito web sono fornite a scolo scopo informativo e non a fini diagnostici o terapeutici. Esse, pertanto, non sono in alcun modo intese a sostituire il parere di un medico e/o specialista o di altri operatori sanitari o professionisti del settore.

Prendo nota