© 2018 LP-DG® Science

Esci.st0{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:2;stroke-linecap:round;stroke-linejoin:round;stroke-miterlimit:10;} .st1{fill:none;stroke:#00d9ff;stroke-width:1;enable-background:new;} .st2{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:1;enable-background:new;}
/front/assets/b0_bg.b9f56.png
/front/assets/b1.4d847.png
/front/assets/b2.06d15.png
/front/assets/b3.e5655.png
/front/assets/b4.6dac4.png
/front/assets/b5.2ecb4.png
/front/assets/b6.feb5a.png
/front/assets/b7.9e3a3.png
/front/assets/b8.f130a.png
/front/assets/b9.660ae.png
/front/assets/b10.47360.png
/front/assets/b11.f3d7e.png
/front/assets/b12.a0e95.png
Mesalazina e/o Lactobacillus casei nella prevenzione della recidiva della malattia diverticolare sintomatica non complicata del colon: studio prospettico, randomizzato, in aperto.
J Clin Gastroenterol 2006, 40(4):312-6.

OBIETTIVI:
Studiare l'efficacia e la sicurezza di mesalazina, con o senza Lactobacillus casei, nella prevenzione della recidiva della malattia diverticolare sintomatica del colon.

BACKGROUND:
Sia mesalazina sia i probiotici hanno di recente mostrato la loro efficacia nell'ottenere la remissione della malattia diverticolare sintomatica non complicata del colon. Non sono disponibili dati coerenti sulla terapia ottimale per prevenire la recidiva della malattia diverticolare sintomatica del colon.

STUDIO:
Studio multicentrico, prospettico, randomizzato, in aperto. Novanta pazienti consecutivi (36 uomini, 54 donne, età media 67,5 anni, range 39-84 anni), precedentemente colpiti da malattia diverticolare sintomatica non complicata del colon (remissione ottenuta con rifaximina 800 mg/die più mesalazina 2,4 g/die per 10 giorni, seguiti da mesalazina 1,6 g/die per 8 settimane), sono stati arruolati in un follow-up di 12 mesi. Sono stati valutati i seguenti sintomi all'ingresso e durante il follow-up mediante utilizzo di una scala quantitativa: (1) stipsi, (2) diarrea, (3) dolore addominale, (4) sanguinamento rettale, e (5) muco nelle feci. Dopo il reclutamento, i pazienti sono stati casualmente assegnati a uno dei seguenti 3 gruppi: mesalazina 1,6 g/die (gruppo M), L. casei DG 16 miliardi/die per 15 giorni/mese (gruppo L); mesalazina 1,6 g/die+L. casei DG 16 miliardi/die per 15 giorni/mese (gruppo LM).

RISULTATI:
Ottantacinque pazienti hanno completato lo studio (94,5%: 2 pazienti (2,22%, 1 del gruppo M e 1 del gruppo LM) sono stati ritirati dallo studio per violazione del protocollo, e 1 (1,11%) è stato ritirato per ricovero ospedaliero dovuto a malattia polmonare acuta (gruppo L); 2 pazienti (2,22%) sono stati persi al follow-up. Settantacinque pazienti (88,2%) erano esenti sintomi dopo il 12° mese di trattamento (punteggio sintomatico complessivo: (0): 23/27 pazienti del gruppo M [sull'intention-to-treat 76,7% intervallo di confidenza (IC 95%: dal 61,5 al 91,8)], 23/29 del gruppo L [sull'intention-to-treat: 76,7% (IC 95%: dal 61,5 al 91,8)], 29/29 del gruppo LM [sull'intention-to-treat: 96% (IC 95%: da 94,2 a 100)] (P < 0,05). Soltanto 10 pazienti (11,1%) hanno mostrato recidiva dei sintomi (punteggio sintomatico complessivo: 68).

CONCLUSIONI:
Sia mesalazina sia L. casei DG sembrano essere efficaci nel prevenire la recidiva della malattia diverticolare sintomatica non complicata del colon, ma la loro associazione sembra essere più promettente in questo contesto.

Autori
Tursi A, Brandimarte G, Giorgetti GM, Elisei W

Cookie Policy

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di profilazione per raccogliere informazioni in forma aggregata. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi elemento, si acconsente all'uso dei cookie.

Professionisti del settore sanitario

Alcune delle informazioni contenute in questo sito web sono esclusivamente rivolte a professionisti del settore sanitario. Confermi di essere un professionista del settore sanitario. Sei un professionista del settore sanitario?

Si, lo sono
No, non lo sono
Contenuti di terze parti

Questo sito web contiene collegamenti/riferimenti a siti web di terze parti. Attraverso tali collegamenti, SOFAR non presta alcuna garanzia né esprime la sua approvazione ai contenuti e alla qualità degli stessi. SOFAR non assume e non accetta alcuna responsabilità per i contenuti o la disponibilità di tali siti web; SOFAR non accetta alcuna responsabilità per danni o lesioni risultanti dall'uso di tali contenuti, in qualsivoglia forma. Gli utenti accedono a tali siti web a proprio rischio esclusivo. Le informazioni contenute in questo sito web sono fornite a scolo scopo informativo e non a fini diagnostici o terapeutici. Esse, pertanto, non sono in alcun modo intese a sostituire il parere di un medico e/o specialista o di altri operatori sanitari o professionisti del settore.

Prendo nota