© 2018 LP-DG® Science

Esci.st0{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:2;stroke-linecap:round;stroke-linejoin:round;stroke-miterlimit:10;} .st1{fill:none;stroke:#00d9ff;stroke-width:1;enable-background:new;} .st2{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:1;enable-background:new;}
/front/assets/b0_bg.b9f56.png
/front/assets/b1.4d847.png
/front/assets/b2.06d15.png
/front/assets/b3.e5655.png
/front/assets/b4.6dac4.png
/front/assets/b5.2ecb4.png
/front/assets/b6.feb5a.png
/front/assets/b7.9e3a3.png
/front/assets/b8.f130a.png
/front/assets/b9.660ae.png
/front/assets/b10.47360.png
/front/assets/b11.f3d7e.png
/front/assets/b12.a0e95.png
Gli stimoli batterici attivano la produzione di ossido di azoto a livello della mucosa colica nella malattia diverticolare. Effetti protettivi di L. casei DG® (Lactobacillus paracasei CNCM I-1572)
United European Gastroenterol J 2017; 5(5):715-724.

BACKGROUND: 
La micro-infiammazione e le variazioni del microbiota intestinale possono avere un ruolo nella patogenesi della malattia diverticolare (DD).

OBIETTIVO: 
L'obiettivo di questo articolo è valutare l'espressione di mediatori correlati all'ossido di azoto (NO) e di S100B nella mucosa colica di pazienti con DD in un modello ex vivo di infezione batterica.

METODI: 
Biopsie intestinali ottenute da pazienti con diverticolosi, malattia diverticolare sintomatica non complicata (SUDD) e SUDD con precedente diverticolite acuta (SUDD+AD) sono state stimolate con il probiotico L. casei DG® (LCDG) e/o il patogeno enteroinvasivo Escherichia coli (EIEC). Si è quindi proceduto alla valutazione del rilascio di S100B, di NO e dell'espressione di iNOS.

RISULTATI: 
L'espressione di iNOS basale era significativamente aumentata nei pazienti con SUDD e SUDD+AD. L'espressione di NO basale era significativamente aumentata nella SUDD+AD. Non sono state individuate differenze nel rilascio di S100B. In tutti i gruppi, l'espressione di iNOS era significativamente aumentata da EIEC e ridotta da LCDG. In tutti i gruppi, tranne SUDD+AD, EIEC ha significativamente aumentato il rilascio di NO, mentre non è stato osservato alcun aumento con l'aggiunta di LCDG alle biopsie. EIEC non ha indotto variazioni significative nel rilascio di S100B.

CONCLUSIONI:
La mucosa colica di pazienti con DD è caratterizzata da una diversa reattività nei confronti degli stimoli patogeni. LCDG svolge un ruolo nel contrastare gli effetti pro-infiammatori esercitati da EIEC, suggerendo una funzione benefica di questo probiotico nella DD.

Autori
Turco F, Andreozzi P, Palumbo I, Zito FP, Cargiolli M, Fiore W, Gennarelli N, De Palma GD, Sarnelli G, Cuomo R.

Cookie Policy

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di profilazione per raccogliere informazioni in forma aggregata. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi elemento, si acconsente all'uso dei cookie.

Professionisti del settore sanitario

Alcune delle informazioni contenute in questo sito web sono esclusivamente rivolte a professionisti del settore sanitario. Confermi di essere un professionista del settore sanitario. Sei un professionista del settore sanitario?

Si, lo sono
No, non lo sono
Contenuti di terze parti

Questo sito web contiene collegamenti/riferimenti a siti web di terze parti. Attraverso tali collegamenti, SOFAR non presta alcuna garanzia né esprime la sua approvazione ai contenuti e alla qualità degli stessi. SOFAR non assume e non accetta alcuna responsabilità per i contenuti o la disponibilità di tali siti web; SOFAR non accetta alcuna responsabilità per danni o lesioni risultanti dall'uso di tali contenuti, in qualsivoglia forma. Gli utenti accedono a tali siti web a proprio rischio esclusivo. Le informazioni contenute in questo sito web sono fornite a scolo scopo informativo e non a fini diagnostici o terapeutici. Esse, pertanto, non sono in alcun modo intese a sostituire il parere di un medico e/o specialista o di altri operatori sanitari o professionisti del settore.

Prendo nota