© 2018 LP-DG® Science

Esci.st0{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:2;stroke-linecap:round;stroke-linejoin:round;stroke-miterlimit:10;} .st1{fill:none;stroke:#00d9ff;stroke-width:1;enable-background:new;} .st2{fill:none;stroke:#FFFFFF;stroke-width:1;enable-background:new;}
/front/assets/b0_bg.b9f56.png
/front/assets/b1.4d847.png
/front/assets/b2.06d15.png
/front/assets/b3.e5655.png
/front/assets/b4.6dac4.png
/front/assets/b5.2ecb4.png
/front/assets/b6.feb5a.png
/front/assets/b7.9e3a3.png
/front/assets/b8.f130a.png
/front/assets/b9.660ae.png
/front/assets/b10.47360.png
/front/assets/b11.f3d7e.png
/front/assets/b12.a0e95.png
La perturbazione del microbiota indotta da antibiotici causa variazioni dell'endocannabinoidoma intestinale, la riorganizzazione neurogliale a livello dell'ippocampo e la depressione nei topi
Brain Behav Immun 2018, 67:230-245.

Abstract
L'asse microbiota-intestino-cervello (MGBA, microbiota-gut-brain) regola l'interazione reciproca tra infiammazione cronica dell'intestino e disturbi psichiatrici. Questa interazione interessa molteplici vie altamente dibattute. Sono state esaminate le alterazioni comportamentali, biochimiche ed elettrofisiologiche, nonché la composizione del microbiota intestinale in un modello di disbiosi sperimentale indotta da antibiotici. È stata valutata anche l'infiammazione dell'intestino tenue. I topi sono stati esposti a una miscela di antimicrobici per 2 settimane. Successivamente, i topi hanno ricevuto Lactobacillus casei DG (LCDG) o un veicolo tramite alimentazione orale forzata per un periodo fino a 7 giorni.
La perturbazione del microbiota è stata accompagnata da un generale stato infiammatorio e dall'alterazione di alcuni elementi dell'endocannabinoidoma nell'intestino. Sono state osservate variazioni comportamentali, tra cui un'aumentata immobilità nel test di sospensione per la coda e una ridotta interazione sociale, associate anche ad alterata segnalazione di BDNF/TrkB, fosforilazione del TRPV1 e firing dei neuroni dell'ippocampo. Sono stati, inoltre, rilevati riarrangiamenti morfologici di cellule non neuronali in aree del cervello che controllano il comportamento emozionale. La successiva somministrazione di probiotici, rispetto al veicolo, ha in gran parte controbilanciato queste alterazioni infiammatorie intestinali, comportamentali, biochimiche e funzionali. È interessante osservare come i livelli di Lachnospiracee siano apparsi significativamente correlati alle variazioni comportamentali osservate nei topi disbiotici. I risultati ottenuti chiariscono alcune delle modificazioni biomolecolari e funzionali che conducono allo sviluppo di disordini affettivi associati ad alterazioni del microbiota intestinale.

 

Autori
Guida F, Turco F, Iannotta M, De Gregorio D, Palumbo I, Sarnelli G, Furiano A, Napolitano F, Boccella S, Luongo L, Mazzitelli M, Usiello A, De Filippis F, Iannotti FA, Piscitelli F, Ercolini D, de Novellis V, Di Marzo V, Cuomo R, Maione S

Cookie Policy

Questo sito web utilizza cookie tecnici e di profilazione per raccogliere informazioni in forma aggregata. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualsiasi elemento, si acconsente all'uso dei cookie.

Professionisti del settore sanitario

Alcune delle informazioni contenute in questo sito web sono esclusivamente rivolte a professionisti del settore sanitario. Confermi di essere un professionista del settore sanitario. Sei un professionista del settore sanitario?

Si, lo sono
No, non lo sono
Contenuti di terze parti

Questo sito web contiene collegamenti/riferimenti a siti web di terze parti. Attraverso tali collegamenti, SOFAR non presta alcuna garanzia né esprime la sua approvazione ai contenuti e alla qualità degli stessi. SOFAR non assume e non accetta alcuna responsabilità per i contenuti o la disponibilità di tali siti web; SOFAR non accetta alcuna responsabilità per danni o lesioni risultanti dall'uso di tali contenuti, in qualsivoglia forma. Gli utenti accedono a tali siti web a proprio rischio esclusivo. Le informazioni contenute in questo sito web sono fornite a scolo scopo informativo e non a fini diagnostici o terapeutici. Esse, pertanto, non sono in alcun modo intese a sostituire il parere di un medico e/o specialista o di altri operatori sanitari o professionisti del settore.

Prendo nota